CBD per Dormire: Funziona? Studi Clinici e i Migliori 7 Oli CBD per Dormire

Una buona notte di sonno è essenziale per la salute e il benessere generale. Gli esperti raccomandano agli adulti di dormire dalle sette alle nove ore ogni notte.

Un sonno adeguato assicura che ci si senta ben riposati e che si abbia energia per il giorno successivo. Un buon riposo notturno contribuisce anche alla formazione della memoria, aiuta a far crescere e riparare muscoli e tessuti e previene le malattie.

Sfortunatamente, addormentarsi o rimanere addormentati può essere difficile per alcuni tipi di persone che dormono.

Ben il 70% degli americani riferisce di non dormire le ore raccomandate, e quasi un terzo dei lavoratori americani dorme meno di sei ore per notte. Le soluzioni per dormire meglio ed evitare il debito di sonno variano. I possibili approcci includono un’igiene del sonno migliore, sonniferi su prescrizione e aiuti naturali per il sonno.

Una strategia sempre più popolare per dormire meglio è l’assunzione di cannabidiolo (CBD), un derivato della cannabis. Il CBD è comunemente usato per migliorare il sonno e diminuire l’ansia.

Nell’ultimo decennio, il crescente interesse del pubblico per i benefici della marijuana, e del CBD in particolare, ha incoraggiato i ricercatori a studiarne gli effetti.

I migliori integratori CBD per dormire: olio e gocce

CBD per Dormire funziona? Studi Clinici su Quantità e Dosaggi

I primi studi indicano che alti dosaggi di CBD possono favorire il sonno.

Un’indagine ha scoperto che, rispetto a un placebo, un dosaggio di CBD di 160 milligrammi ha aumentato la durata del sonno. I ricercatori hanno anche concluso che il placebo, 5 mg di nitrazepam, un farmaco contro l’insonnia, e 40, 80 e 160 mg di CBD hanno aiutato i partecipanti ad addormentarsi.

I livelli di cortisolo, l’ormone dello stress, sono tipicamente alti al mattino, ma le persone con insonnia possono avere alti livelli di cortisolo di notte. Indipendentemente dall’insonnia, avere alti livelli di cortisolo di notte è associato a un maggior numero di risvegli notturni.

In uno studio sugli effetti del CBD, i ricercatori hanno scoperto che i livelli di cortisolo diminuivano più significativamente quando i partecipanti prendevano 300 o 600 mg di olio di CBD. Questi risultati suggeriscono che il CBD influisce sul rilascio di cortisolo, possibilmente agendo come sedativo.

Un’analisi più recente su CBD e il sonno ha reclutato 103 partecipanti che avevano ansia o insonnia. I ricercatori hanno studiato gli effetti del CBD combinato con quelli di altri farmaci prescritti.

I dosaggi di CBD variavano da 25-175 mg. I ricercatori hanno scoperto che 25 mg era il dosaggio più efficace per l’ansia e che per affrontare il sonno disturbato erano necessari dosaggi più alti.

Durante lo studio di 3 mesi, i ricercatori hanno seguito i partecipanti mensilmente. Al primo follow-up, il 66,7% ha riportato un miglioramento del sonno, ma il 25% ha avuto un peggioramento del sonno. Al secondo, il 56,1% dei partecipanti ha riferito un miglioramento del sonno, ma il 26,8% ha avuto un peggioramento del sonno.

I ricercatori hanno scoperto che il sistema endocannabinoide gioca un ruolo nel mantenimento di alcune funzioni del corpo, come l’umore, l’appetito, il sonno e la regolazione dei ritmi circadiani. All’interno del sistema endocannabinoide c’è una rete di recettori dei cannabinoidi nel cervello e nel sistema nervoso centrale; i due recettori primari identificati sono CB1 e CB2.

I cannabinoidi si attaccano a queste cellule e hanno vari effetti. Per quanto riguarda gli effetti sul sonno, alcune ricerche indicano che il cannabinoide CBD può interagire con recettori specifici, influenzando potenzialmente il ciclo sonno/veglia.

Inoltre, il CBD può anche diminuire l’ansia e il dolore, che possono entrambi interferire con un sonno riposante. Riducendo certi sintomi, è anche possibile che il sonno migliori.

Cosa dice la ricerca sul CBD?

Anche se devono essere condotti più studi, alcune ricerche supportano la teoria che il CBD e i cannabinoidi possano migliorare il sonno. Uno studio pubblicato sulla rivista Medicines ha coinvolto 409 persone con insonnia. I dati sono stati raccolti da giugno 2016 a maggio 2018. I partecipanti hanno valutato i loro sintomi di insonnia su una scala da 1 a 10, dove 10 è il più grave. I sintomi iniziali sono stati valutati in media 6,6.

I partecipanti sono stati trattati usando il fiore di cannabis con vari metodi di combustione tra cui lo svapo, la pipa e lo spinello. La potenza del THC era in media del 20% e limitata al 30%. La potenza del CBD era in media del 5,7% e limitata al 30%. Dopo aver usato la cannabis, i partecipanti hanno valutato i sintomi in media a 2.2, con una diminuzione di 4.5.

I risultati hanno indicato che i cannabinoidi della cannabis hanno diminuito i sintomi dell’insonnia. Ma lo studio ha coinvolto l’uso del fiore di cannabis, che contiene diversi cannabinoidi. E’ difficile determinare se il sollievo dall’insonnia fosse dovuto al CBD o ad un altro cannabinoide.

In un altro studio pubblicato nel Permanente Journal, sono stati coinvolti 72 adulti con ansia e insonnia. I partecipanti hanno completato valutazioni dell’ansia e del sonno all’inizio dello studio e al primo mese di follow-up. Ai partecipanti allo studio sono stati dati 25 mg di CBD in forma di capsule. Quelli che avevano prevalentemente disturbi del sonno prendevano la dose la sera. I partecipanti che avevano l’ansia come disturbo predominante prendevano il CBD al mattino.

Dopo il primo mese, i punteggi di ansia sono diminuiti nel 79% delle persone. I punteggi del sonno sono migliorati nel 66% dei partecipanti. Ma mentre la diminuzione dei sintomi dell’ansia è rimasta costante per tutta la durata dello studio, i punteggi del sonno hanno oscillato nel tempo.

Diversi studi minori hanno anche sostenuto l’uso dell’olio di CBD per migliorare il sonno. Per esempio, un caso studio che ha coinvolto una bambina di 10 anni con un disturbo da stress post-traumatico e insonnia trattata con CBD. Una prova di 25 mg di un integratore di CBD è stata somministrata al momento di coricarsi. Altri 6-12 mg di CBD sono stati somministrati tramite uno spray sublinguale durante il giorno per l’ansia. La quantità e la qualità del sonno sono gradualmente migliorate nel corso di cinque mesi.

Anche se ci sono molte prove che dimostrano che il CBD e i cannabinoidi possono migliorare il sonno, i risultati non sono conclusivi e devono essere fatte altre ricerche.

Ecco alcuni studi riportati Webmd.com.

I risultati della ricerca su cannabis e sonno sono misti. Finora non ci sono stati molti studi controllati che dimostrino che il THC, il CBD o una combinazione di entrambi possano migliorare la qualità del sonno, dice Bhanuprakash (Bhanu) Kolla, MD. E’ un professore associato di psichiatria e psicologia e un consulente del Centro di Medicina del sonno della Mayo Clinic a Rochester, MN.

Ma alcuni studi sono promettenti. Questo include un piccolo studio sul dronabinol, una versione umana del THC medico. Le prime ricerche mostrano che potrebbe aiutare con l’apnea ostruttiva del sonno. Ma “a questo punto, non raccomandiamo l’uso di prodotti a base di cannabis per il trattamento dell’apnea del sonno o di altri disturbi del sonno”, dice Kolla.

Michelle Sexton, ND (medico naturopata), assistente professore aggiunto nel dipartimento di anestesiologia dell’Università della California, San Diego, aiuta le persone ad usare la cannabis per gestire certe condizioni di salute. Dice che coloro che usano il THC per alleviare il dolore spesso riferiscono di dormire più a lungo. “Non si svegliano così tanto”, dice.

Una ricerca preliminare suggerisce che il CBD può aiutare con una serie di disturbi del sonno, tra cui l’insonnia, Il disturbo del comportamento del sonno REM23, e il disturbo da eccessiva sonnolenza diurna. Ulteriori ricerche preliminari suggeriscono che il CBD può anche aiutare i pazienti a migliorare il sonno e a ridurre l’ansia.

Altri studi iniziali sul CBD e i disturbi del sonno suggeriscono risultati positivi. Tuttavia, non tutti sperimentano gli stessi benefici sul sonno con l’uso del CBD, e dosi diverse potrebbero portare a effetti diversi. La ricerca suggerisce che basse dosi di CBD sono stimolanti, mentre alte dosi di CBD sono sedative.

CBD e ansia: effetti e benefici

Anche se non è di per sé un disturbo del sonno, l’ansia può contribuire alla scarsa qualità del sonno, al sonno insufficiente e ai disturbi del sonno. Poiché il CBD calma il sistema nervoso, le prime ricerche indicano che il CBD può essere usato per trattare i disturbi legati all’ansia. Uno studio ha mostrato che quasi l’80% dei partecipanti che hanno usato il CBD per trattare la loro ansia hanno riportato livelli di ansia più bassi entro un mese. Il sonno è inizialmente migliorato in più del 65% dei partecipanti, seguito da risultati altalenanti.

Disturbo del comportamento nel sonno REM e CBD

Nel disturbo del comportamento nel sonno REM, i pazienti verbalizzano e fanno movimenti aggressivi28 durante la fase REM (rapid eye movement) del sonno. Il disturbo è più comune nei pazienti anziani con malattie neurodegenerative, come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

In uno studio limitato di quattro pazienti con il morbo di Parkinson, il CBD ha aiutato a gestire i sintomi del disturbo del comportamento nel sonno REM. Prima di prendere il CBD, i pazienti sperimentavano i sintomi del disturbo 2-7 volte a settimana. Dopo aver preso il CBD, i sintomi si sono verificati 0-1 volte in una settimana. Sono necessari ulteriori studi, ma questi risultati iniziali suggeriscono il CBD come possibile trattamento per il disturbo del comportamento del sonno REM.

Disturbo da eccessiva sonnolenza diurna e CBD

Coloro che hanno un disturbo da eccessiva sonnolenza diurna lottano per rimanere svegli durante le tipiche ore del giorno. Una soluzione per svegliarsi in tempo e rimanere svegli potrebbe essere il CBD. Le prime ricerche sugli animali mostrano che il CBD funziona come un farmaco che induce la veglia. Tuttavia, altri studi suggeriscono che il CBD funziona come una droga sedativa. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare quali dosi e metodi di utilizzo del CBD influenzano la veglia e la sonnolenza.

Il CBD interagisce con altre prescrizioni?

Il CBD può interagire con altre prescrizioni che una persona prende. In particolare, il CBD può rallentare la capacità del fegato di scomporre alcuni farmaci. Inoltre, l’uso del CBD così come di erbe o integratori può rendere il paziente troppo sonnolento.

Prima di usare qualsiasi prodotto a base di CBD, consulta il tuo medico. Fai sapere al tuo medico di tutti i farmaci, le erbe o gli integratori che stai prendendo, in modo che possa valutare se il CBD potrebbe causare un’interazione negativa. Il tuo medico sarà in grado di informarti se il CBD è un’opzione valida per soddisfare i tuoi obiettivi di salute.

I migliori integratori CBD per dormire: olio e gocce

Summary
Author Rating
1star1star1star1star1star
Aggregate Rating
5 based on 1 votes
Brand Name
CBD per dormire
Product Name
CBD per dormire
Price
EUR 39
Product Availability
Available in Stock